martedì 5 giugno 2012

Mo te lo spiego a papà come conquistare un obiettivo (che detta così pare una cosa assai difficile)

Ho pensato spesso che non ce l'avremmo fatta, ho pensato che saremmo stati due genitori separati e che andava bene così.
Ho avuto la sensazione che i figli ci allontanassero l'uno dall'altro e questa cosa mi faceva incazzare.
Oggi per fortuna io ed MPS combattiamo uniti contro DA1 e DA2.
Detta così può sembrare pesante, ma vi faccio un esempio.
Arriva un momento in cui alcune regole non vengono più rispettate perché sei stanco e non ce la fai, altri giorni invece in cui è un continuo scontro e susseguirsi di capricci.
In un tempo passato avremmo pensato chi me lo ha fatto fare (anche oggi qualche volta),  espatrio, ritorno single e così via, ma ora ci fermiamo e parliamo, elaborando una strategia da usare. 
Uniti non ce la possono fare a prendere il sopravvento.


In questi ultimi giorni anche le punizioni sembravano non avere l'effetto desiderato e allora abbiamo pensato ad un diversivo.
Niente di chi sa cosa, ma per noi è stato come un nuovo amore perché, uniti, abbiamo scelto la strada da percorrere.
"Qual è il gioco che vorresti?"
"La nave dei pompieri di Lego"
"E tu?"
"Io nave ..rrati"
"Va bene la nave dei pirati".
"Ecco, questa è la foto del tuo gioco e questa è la tua. Le mettiamo su questo cartellone così ci ricordiamo qual è il gioco che vogliamo".
"Papà, ma io la vorrei proprio".
" Per averla è molto semplice. Ogni sera dopo che abbiamo messo il pigiama io e la mamma decidiamo, in base a come vi siete comportati a scuola, dai nonni e a casa quale faccina vi meritate. C'è quella BRAVO, quella COSI' e COSI' e quella MALE".
"Io voglio Bravo".
"Tu impegnati e avrai bravo".
"Papà, ma io lo voglio quel gioco".
"Dovrai prendere 15 faccine BRAVO per averlo".
"E quando le mettiamo le faccine?"
"L'ho già detto, la sera dopo che ci siamo preparati per andare a dormire incolliamo la faccina che meritate nel casella che c'è sul cartellone".
"Siii, evviva".
"Papà, ma ora sono bravo?"
"Tu sei sempre bravo, ma a volte non ascolti e ti comporti da monello. Ora però non chiedermelo cento volte al secondo".
DA1 ha compreso chiaramente il da farsi, mentre DA2, un po' per l'età e un po' per la capa-tosta, ha cominciato a voler cambiare gioco ogni tre minuti.
Quello che si è scelto si è scelto e non si può tornare indietro.(almeno per questa cosa)
Il bello però è venuto nei giorni successivi perché era prevedibile che ci sarebbe stata una reazione ad una faccina non gradita.
"Oggi ti sei comportato molto male, hai fatto tanti capricci e non hai ascoltato nessuno per cui avrai MALE".
DELIRIO. PIANTO. SINGHIOZZI
La coppia ancora una volta affronta decisa la situazione ed entra in azione per il contenimento.
"Ascolta a papà, oggi è andata così. Ti sei comportato male, non è colpa mia. Hai scelto tu di non ascoltare per cui non possiamo farci niente. Ma domani sono sicuro che ti impegnerai perché ce la puoi fare a conquistare un BRAVO. Se ascolti e non ci fai sgolare ti assicuro che riceverai un BRAVO".
MPS consola DA1 con meno parole, da mamma, ma in maniera efficace lo stesso. (per fortuna siamo diversi)
A dire il vero in questi giorni mi sento più forte. Mi sento unito ad MPS come non mai nonostante non sia tutto meno faticoso. 
Noi le nostre faccine le abbiamo già messe in passato e per fortuna il premio è arrivato.
Quale?
Che facciamo vacanze separate.
Scherzo, ma non lo dico.
"Papà ma io sono bravo è vero perché ho fatto il bidet da solo?"
DA2 me le scippa proprio dalle mani, ma mica gli posso mettere sempre MALE!                


P.S. MPS dopo aver letto il post in anticipo, come sempre, mi ha chiesto: " Qual è il premio?ed io: "Che ci amiamo amore mio", e lei: "Aaaaa si, ma preferivo le vacanze separate...senza figli logicamente".                                                                                                                                       

3 commenti:

Sarah ha detto...

Idea fantastica..grazie!!

PICCIO ha detto...

Beh l'idea non è mia, ma è un adattamento ad una cosa che faccio con i ragazzi con cui lavoro da qualche anno per meritarsi la convocazione al campo estivo residenziale che facciamo a fine Giugno.
Cmq credo che sia adatto a bambini che abbiano almeno 5 anni perché per i più piccoli la cosa si fa dura quando ricevono una faccina non gradita.

•♥ Ally ♥• ha detto...

mi sembra di essere tornata indietro di qualche anno :) anche io ho adottato questo metodo con la mia, di ormai 12 anni. Ogni volta con piccole modifiche. Ma di base c'era sempre il cartoncino attaccato al frigo che aspettava le faccine, gli adesivi ecc. ed ha sempre funzionato :) adesso comincerò col piccolo



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...